Dalla terrazza del Gianicolo si può ammirare Roma in tutto il suo splendore infinito e restare in silenzio per godere di uno spettacolo unico al mondo. Quella domenica mattina mi ero avvicinata a mio nonno e con un bacetto e quattro moine lo avevo convinto a portarmi proprio lì “Ar Gianicolo”. Come di consueto avevo lasciato la sua mano ed ero scappata verso la terrazza, immobile e silenziosa, guardavo la mia Roma così grande, tutti quei tetti, tutta quella bellezza mi stordiva e al tempo stesso inebriava, nessun gioco poteva attrarre la mia attenzione quanto quella meraviglia.

“A piccolé lo sai che è quello?”  mio nonno interrompeva il silenzio, mentre io lo guardavo in attesa della risposta

“É er carcere de Regina Coeli, a prigione”

mi voltavo di scatto verso di lui

“dove chiudono quelli cattivi, i ladri e gli assassini?”  Io incupita.

“No bella de nonno, in carcere ce stanno pure pe’ sbajo, ce vanno a finí perché se ribbelleno per cambiá er monno o magara perché rubbano pe’ fame” lo guardavo rapita da quelle rivelazioni alle quali aggiunse

“su sta terazza ce veniveno e moji o e fidanzate e se chiamaveno pe potesse parlá coi carcerati”

La mia mente elaborava rapida, a sei anni comprendevo a modo mio che in prigione non necessariamente si finisce perché si è sbagliati, che amore non sempre significa mamma, papà, bambini e casetta, gli eventi della vita possono separare chi si ama e che un rapporto può essere solido anche senza un contorno perfetto. Molte volte negli anni a venire, avrei constatato quanto fosse reale quella mia nuova scoperta.

Inevitabile con l’arrivo della notte iniziava il mio viaggio nel tempo per immaginare chi fossero quelle persone sulla terrazza del Gianicolo, fino a riuscire a vederli e sentirne le parole urlate nella notte, che rotolavano avanti e indietro, sui tetti Roma, come un magico ponte emozionale.

A via de la Lungara ce sta ‘n gradino 
chi nun salisce quelo nun è romano, 
nun è romano e né trasteverino” 

(detto popolare romano)

 Alvaro e Maria

A.: ” Mariaaaaa, Mariaaaaaa so” Arvaro, risponneme te prego”

M.: “Arvaroooo sto qua core mio, dimme che stai bene qui fora se va avanti, manchi tu”

A.: ” Aspettame vita mia che torno”

 Mario e Carlo

M.: ” Ninettaaaa risponemme  so du notti t’aspetto, sto a crepá cor pensiero de te”

C.: “Mariooooooo so’ Carlo er fijo de Ervira, me manneno pe ditte che Ninetta sta bene, è  nata tu fija è  femmina, sta bene”

Giulio e Augusto

A.:  “Giulioooooo so Agustarello Er Duca risponnime”

G.: “Agustooooo ma ‘ndo sta Sirvana? So du’ mesi che nun se sente, so’ n’omo morto”

A.: “Sirvana nun vié più, nun l’aspettá…. s’é messa co’ Ottavio er pesciarolo de Borgo Pio, quello se la vó sposá e te chissà quanno esci”

G.: “noooooo dije a Ottavio che quanno esco l’ammazzo co’ ste mano, dije che a donna mia nun se tocca”.

Così, arrotolata in tutto quel groviglio di voci e di emozioni, mi addormentavo.

La terrazza del Gianicolo è un luogo unico al mondo, se non l’avete ancora vista, vi auguro di poterlo fare almeno una volta nella vita, vedrete il “Panorama”, quello che vi toglie il respiro e se avete un po’ di fantasia forse incontrerete Alvaro e tutti gli altri.

Blu

 

 

 

Condividi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: