Dice Cracco: “Se vuoi fare il figo usa lo scalogno”. Ebbene, io uso lo scalogno da molto prima che lui scrivesse il suo libro ma non sono diventato figo. Tuttavia, se i vostri amici amano le vongole e volete essere veramente avanti proponete loro una bella Clam chowder.

Definire questa ricetta originaria del New England una “zuppa di vongole” (come comunemente avviene) è come dire ad uno che non conosce Scarlett Johansson che si tratta di una “ragazza carina”: capirà presto che sotto a quel carina c’è molto di più.

La particolarità della Clam chowder è che tra gli ingredienti troviamo, ad esempio, le patate e la pancetta, anche se ne esistono moltissime versioni. Io ho preso spunto dalla ricetta dello chef Anne Burrell, quella che si pettina controvento.

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 retina di vongole

  • 150 gr di pancetta

  • 550 gr di patate

  • 1 cipolla dorata (piccola)

  • 350 ml di panna

  • 350 ml latte

  • erba cipollina

  • 3 cucchiai di farina

  • tabasco

  • olio evo

  • sale q.b.

  • qualche fetta di pane

Pulite bene le vongole mettendole in acqua fredda con un po’ di sale per almeno 30 minuti, poi sciacquatele e ripetete l’operazione. Non trascurate questo passaggio, perché la sabbia non fa parte degli ingredienti della ricetta.

Mettete le vongole in una padella a fuoco vivo con 250 ml di acqua e copritele con un coperchio per 7-8 minuti. Mettete da parte le vongole che si saranno aperte e se ve ne fossero altre ancora chiuse lasciatele sul fuoco altri 4-5 minuti., poi scartate le vongole che non si saranno aperte. Eliminate le valve e filtrate il liquido ottenuto per togliere ogni impurità.

Tagliate la pancetta a dadini e mettetela in una pentola con un filo d’olio a fuoco medio per qualche minuto, così che possa rilasciare il suo grasso e colorirsi. Aggiungete la cipolla tagliata finemente ed un pizzico di sale (non di più), mescolate  e lasciate sul fuoco per 5-6 minuti circa.

Aggiungete la patata tagliata a dadini il più possibile uguali (perché la cottura sia uniforme). Non fateli troppo grandi o impiegheranno di più a cuocere e potrebbero risultare crudi. E per una patata cruda Bastianich potrebbe tirarvi il piatto in faccia.

Setacciate la farina ed aggiungetela nella pentola, mescolando per amalgamare bene il tutto. Aggiungete, mescolando bene, il liquido delle vongole, il latte e la panna, poi alzate la fiamma e portate ad ebollizione.

Nel frattempo, tagliate il pane a dadini e tostatelo in padella con un filo d’olio.

Assaggiate la zuppa, se necessario aggiustatela di sale ed attendete che la patata sia cotta (senza disfarsi). Aggiungete le vongole e se vi piace un retrogusto piccantino (che con i molluschi sta sempre bene) anche un po’ di tabasco. A questo punto la vostra Clam chowder è pronta.

Lavate e tagliate con le forbici l’erba cipollina (non tritatela al coltello o perderà il suo profumo) ed aggiungetela una volta impiattato. Terminate il piatto con i dadini di pane tostato.

Per essere ancora più “americani” potete servire la Clam chowder in un pane/panino che avrete privato della mollica.

Lello

Instagram: lellskitchen

 

Condividi

Comments (1)

  1. L’ha ribloggato su Lell's kitchen.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: