Care amiche, state già pensando alle ferie? Anzi, ad un po’ di ferie magari tra di noi e senza il nostro beneamato uomo, fidanzato, compagno o marito.

Allora eccoci pronte per cercare, valutare, organizzare almeno una settimana di totale alienazione dal lavoro, dalle camicie da stirare, dal “cosa preparo per cena”, e cosa mi metto domani (bè no, questo rimane!).

Insomma questa cosa s’ha da fare!

Avete mai visto una donna che si riposa al giorno d’oggi? Tra lavoro, casa, figli e marito e manca il tempo.

Ed ecco che l’argomento vacanze diventa, oserei dire, fondamentale!

Quando e dove, ma soprattutto con chi?

Proviamo ad accantonare temporaneamente i problemi, i doveri e gli impegni e concentriamoci su cosa vorremmo davvero fare.

Ed ecco che una lucina si accende nella nostra testa iperattiva e scatta la voglia irrefrenabile di “relax con le amiche”.

Le stesse amiche che, più o meno, hanno raggiunto la stessa nostra consapevolezza, ovvero:

Ho bisogno di relax!

Il relax, beninteso, non significa solo andare in una SPA a farsi massaggiare per un’ora, né significa uscire per una pizza, un aperitivo o una serata danzante stile anni 90.

A quasi quarant’anni, anche prima ed anche dopo, il relax significa per la maggior parte di noi: facciamo una settimana in albergo e rilassiamoci senza pensare a nessuno tranne che a noi stesse.

E poi, diciamoci pure quanto i nostri dolci piedini bramino per un paio di décolleté nuove (l’ultimo paio lo abbiamo acquistato l’altro ieri) o come le nostre unghie lacrimino per essere decorate da quel meraviglioso Smalto Rosso Chanel, ne abbiamo proprio bisogno!

Siamo egoiste?

Siamo preoccupate dei mariti che restano a casa?

Bene, donne, la risposta è assolutamente e tassativamente NO!

Anzi ce lo meritiamo.

Mettiamo in ordine le idee:

Egoiste?

No, tutto l’anno siamo madri, mogli, amiche, amanti e donne lavoratrici

I mariti restano a casa. Scatta la famosa Sindrome Femminile da abbandono “dellammmmore”?

Se un marito ti ama non sarà certo qualche giorno di ferie della sua amata che lo farà distrarre? E se lo fa:

  1. noi non vogliamo saperlo;
  2. lo farebbe comunque, i modi si trovano;
  3. magari è l’occasione per verificare se il nostro rapporto di coppia è solido o scolpito nello yogurt!

 

Inoltre un bravo marito al nostro rientro sarà felice e ci riempirà di attenzioni perché gli saremo mancate tantissimo: vuoi mettere non dover più stirare camicie e mangiare pizza tutti i giorni???

(qui mi sono lasciata andare ad un bieco qualunquismo da cabaret, ma ci sta, che ne dite?)

Nel frattempo dovremo sopportare i finti musi lunghi delle nostre metà, tendenti ipocritamente ad “azzerbinarsi” ma, in realtà impegnati in uno spasmodico count-down, pregno di tensione quale deve essere stato il lancio dell’Apollo 11, il 16 Luglio 1969.

Ergo, ritorniamo al concetto iniziale: NOI CE LO MERITIAMO!!!

Arianna Capodiferro alias @arica72

Condividi

arianna1972

Sono una bancaria che, stufa di fare sempre conti, ha deciso di provare a scrivere. Che ve ne pare?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: