Claudia aveva 16 anni, una vita davanti a sé, tanti sogni e speranze. 

Una bella ragazza, lunghi capelli neri, occhi scuri e profondi, un sorriso solare e contagioso, sì, proprio una bella ragazza, il fisico ancora acerbo, forse un paio di chili in più per essere in perfetta forma fisica, ma già da alcuni mesi frequentava la palestra e i risultati già si iniziavano a vedere. 

Ma Claudia non si vedeva bella, Claudia non si “sentiva” bella, non si riconosceva in quell’immagine che vedeva riflessa nello specchio. Non era come le modelle che vedeva nelle pubblicità in TV, nelle riviste di moda, nei video musicali. Tutte erano più belle e magre di lei, di questo ne era convinta. Lo specchio non mente, si ripeteva. A nulla servivano i complimenti che riceveva dai ragazzi, a nulla servivano le parole della mamma (si sa, per la mamma i figli son sempre belli), nulla la distraeva da quel pensiero. Voleva dimagrire, voleva essere magra. Decise di mettersi a dieta, una dieta drastica, dall’effetto immediato. Smise di mangiare. Non fu tanto difficile, era decisa e determinata a raggiungere il suo obbiettivo. 

All’inizio sentiva i morsi della fame, la pancia protestava per la mancanza di cibo, ma Claudia era determinata, doveva resistere. Col passare del tempo la fame passò, non sentiva più il bisogno di mangiare, aveva sete, quello sì, non poteva smettere di bere. Dopo una settimana era visibilmente dimagrita. Ma guardandosi allo specchio non si piaceva. “Sono troppo grassa, sono brutta”, solo queste parole risuonavano nella sua testa. Claudia era ormai entrata in un vortice che la portava sempre più a fondo. 

Era dimagrita, ma non si piaceva, l’immagine che vedeva nello specchio non le piaceva. In questo aveva ragione. Claudia aveva perso peso, ma anche la sua solare bellezza, i suoi occhi ora erano spenti, lo sguardo triste, non sorrideva più, le mancavano le forze. Non usciva nemmeno di casa, non andava a scuola, solo qualche amica andava a trovarla. Erano tutti preoccupati per lei, ma Claudia continuava a ripetere di stare bene. 

Continuava a non mangiare e a non piacersi. Una sera andò a trovarla Marco, erano amici fin dall’infanzia. Più volte le aveva detto che si stava facendo del male, che non aveva bisogno di dimagrire, ma Claudia non lo ascoltava. Quella sera Marco era diverso, non le fece il solito discorso. Semplicemente l’abbracciò e le disse: “Se continui così non ci rivedremo più, te ne stai andando, e io non posso seguirti”.

Quelle parole le fecero male, molto male. Adesso si sentiva ancora più’ sola nella sua stanza, si avvicinò allo specchio, guardava l’immagine riflessa, ora iniziava a vedersi come era realmente. Improvvisamente qualcosa in lei scattò IO VOGLIO VIVERE! Riprese a mangiare, fu più difficile di quanto pensasse. Il suo corpo era spento, apatico, non fu facile all’inizio, ma con l’aiuto della famiglia e degli amici affrontò la dura strada per ricominciare a vivere. Ora Claudia è una giovane donna, ha sempre qualche chilo in più, ma ora ama il suo corpo, ama la vita. E la sua bellezza è travolgente. 

@danpuzzle

Condividi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: