Tortiglioni con cipolla caramellata e tuorlo d’uovo fritto

Quello che vi presento oggi è un piatto al quale tengo molto, perché a quanto mi risulta è una ricetta inedita. Non lo si improvvisa all’ultimo momento, ma vi assicuro che la soddisfazione nel mangiarlo compensa ogni minuto di attesa.

 

Di seguito riporto le dosi per una persona, perché penso che questo piatto appartenga alla categoria del cosiddetto comfort food, quella coccola che anche una persona che si trovi a mangiare da sola può riservare a se stessa. Se poi siete in quattro saprete bene moltiplicare le dosi, no?

  • 80 gr di tortiglioni
  • 1 uovo (grande)
  • una cipolla dorata/bianca piccola
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • zucchero q.b.
  • pangrattato q.b.
  • olio evo
  • olio di semi

Prendete l’uovo e separate il tuorlo dall’albume. Disponete il pangrattato in una ciotola, ponetevi delicatamente il tuorlo, copritelo con altro pangrattato e mettete il tutto il frigorifero per alcune ore, oppure in freezer (60-90 minuti saranno sufficienti affinché il tuorlo si indurisca).

Per caramellare la cipolla la taglio sottilmente, la metto in una padella a fuoco vivo con un filo di olio e la faccio stufare a lungo affinché non risulti troppo aggressiva e non possa essere percepita anche dai colleghi il giorno dopo. Per questo motivo, una volta che la cipolla abbia cominciato a colorirsi aggiungo un pochino di acqua.

Una volta scomparso il liquido in padella, sempre tenendo la fiamma viva, aggiungete il vino e 2-3 cucchiai di zucchero, mescolando bene. Abbassate la fiamma a metà e lasciate sfumare il vino. Le cipolle saranno pronte quando il liquido si sarà ristretto ed il tutto avrà un aspetto un po’ gelatinoso ed umido. Attenzione a non eccedere, perché altrimenti otterrete una sorta di caramello alla cipolla utile come lecca lecca. 

Quando l’acqua salata bolle calate la pasta e nel frattempo mettete a scaldare dell’olio di semi per la frittura del tuorlo.

Mescolate parmigiano ed albume e versate il tutto in una padella piccola unta d’olio per fare una sorta di frittatina.

Quando la pasta è quasi pronta riaccendete il fuoco sotto le cipolle, toglietene la parte che userete per guarnire il piatto e saltate il resto con la pasta in modo che si insaporisca, eventualmente aggiungendo un filo di acqua di cottura (ma senza eccedere).

Intanto, prendete il tuorlo, pulitelo dall’eccesso di pangrattato: quando l’olio è abbastanza caldo (mettetevi uno stuzzicadenti o il manico di un mestolo di legno, se si formano bollicine è il momento giusto) calatevi il tuorlo e lasciatevelo per 30-35 secondi (se lo volete cremoso), poi passatelo su una carta assorbente per eliminare l’eccesso di olio.

Sul piatto, disponete la frittata di albume, la pasta, aggiungete le cipolle che avevate messo da parte e poi adagiatevi sopra il tuorlo fritto. L’ideale è che ogni boccone comprenda tutti i componenti del piatto.

Per i più “gastronomicamente lussuriosi”: si può anche fare il piatto con due tuorli (anche se l’impiattamento preferisce sempre il dispari). O magari usare un uovo di struzzo… 🙂

Lello

Instagram: lellskitchen

Condividi

Comments (4)

  1. Mmmm 🙂 adoro le cipolle caramellate.le faccio spesso

    1. Anch’io,soprattutto come acompagnamento per hamburger o hot dog. E devo farne quantità quasi industriali perché mio figlio ne va pazzo ?

  2. […] Sorgente: Tortiglioni con cipolla caramellata e tuorlo d’uovo fritto […]

  3. L’ha ribloggato su Lell's kitchen.

Lascia un commento