Le cose finiscono e le persone cambiano. Gli amori vanno e  vengono. Le stagioni si susseguono. Gli anni scorrono, a volte con una velocità impressionante ed altre con esasperante lentezza  ma inesorabili fanno il loro cammino. 
A volte ci guardiamo allo specchio e non sappiamo se abbiamo fatto o no, se abbiamo dato o preso. 

Le bottiglie si scolano, le ore di lavoro trascorrono. 

La noia è sempre in agguato, pronta ad assalirci. 

Le sigarette fumate si accumulano in un posacenere che contiene sempre “l’ultima della giornata” che poi non è mai l’ultima perché noi, poveri illusi, stiamo sempre lì ad aspettare e a sperare che nel tempo di quell’ennesima ultima sigaretta della giornata possa capitare qualcosa di così emozionante da convincerci che forse è stato un bene viverla quella giornata. 

Si cambiano i letti, gli amanti, le parole dette, i vuoti del pensiero. 

Si cambiano anche quelle cose che il pensiero ce lo riempiono. 

Poi quelle stesse cose, e spesso non sono cose ma persone che ci hanno riempito il pensiero, in un attimo spariscono o cambiano e noi, ancora più illusi e delusi, ci vediamo costretti a cercare altre cose, altre persone, altre canzoni, altre emozioni, altri libri. Tutto per dimenticare, tutto per rimpiazzare, tutto questo per non sentirci maledettamente soli e inutili. 

Perché ammettiamolo, non siamo fatti per stare da soli. 

Ci sono  momenti che pare che solo gli stronzi e le stronze che abbiamo incontrato sul nostro cammino restino esattamente lì, immutati e immutevoli. Ma no, non è così, perché le cose finiscono e le persone cambiano. In peggio. Sempre. 

@immaginoleggero 

Condividi

Lascia un commento