Si chiedeva sempre se era lei sbagliata a non saper accettare la solitudine o se erano gli altri ad averla convinta che fosse una nuova normalità. 

In questa società perché era così poca la vera società? 

Cosa non quadrava in quel pensiero che lei cercava di spiegarsi e, soprattutto, perché era così normale vedere tanta solitudine? 

I suoi occhi erano belli e umani.

 Gli occhi degli altri spesso erano freddi e distratti. 

I suoi occhi erano i suoi occhi e ne incontrava di uguali così pochi. 

Si convinse che ne avrebbe incontrati sempre meno e questa consapevolezza lacrimo’ nel suo cuore.

Arianna Capodiferro 

alias @arica72

Condividi

Lascia un commento