Ci sono giorni in cui mi sono ritrovata a pensare alle responsabilità non mie che ho pagato a caro prezzo, ai sogni infranti e alla voglia di ricostruirli.

Capitano momenti in cui confondi il sole per la luna e speri che il sole non sorga, ti trascini in ogni giornata come un vampiro, ti trovi a fissare il muro e senti che nulla ha un senso, ma sai che la vita è perfetta e in lei tutto ha un senso, ti serve solo un pochino di tempo per capire e lottare, ma importante crederci sempre e avere pazienza.

Si deve scendere in fondo a noi stessi per tentar di comprendere per non mollare, reiniziare a respirare e camminare al passo.

Si, respirare lentamente, ma respirare!

E poi perdonare per portare nel cuore chi vogliamo e fregarsene dei giudizi altrui, ragionare con il proprio cervello, rialzarsi ogni mattina con la voglia dare vita a giornate nuove.

Allora senti che non hai più timore di fissare il muro, non vedi l’ora che il sole sorga, inizi a capire e a scegliere, non per cattiveria, ma per sano egoismo che selezioni chi può far parte ancora della tua vita, chi nel momento della tua più dura battaglia ti era vicino per aiutarti, o chi per approfittarsene e colpirti.

Nella vita tutti abbiamo i nostri momenti no, ma anche questi servono… eccome se servono!

A noi stessi per comprenderci meglio, capire con chiarezza la direzione che vogliamo prendere, diciamo che è una sorta di volontariato verso noi stessi, perché a volte siamo il nostro peggior nemico, penso che prima di dare agli altri dobbiamo dare molto a noi stessi.

Un carissimo amico mi dice sempre:

“Sorridi!

Sei una guerriera, e le guerriere se ne fregano quando tutto va male…vanno avanti e continuano a vivere!”

E’ diventare il mio mantra.

@io_marinella

 

Condividi

Lascia un commento