Credo nella mattina presto, quando il cielo è di un azzurro timido.Credo nella colazione e nel caffè, primo sapore, prima scarica di buonumore.

Credo nella strada, sempre la stessa, e nei pensieri che trasporta.

Credo nei sorrisi a prima vista, tra sconosciuti che in un attimo non lo sono più.

Credo in quando ci si guarda, mentre ci si chiede il perché ad attrarci sia sempre un dolore.

Credo nelle abitudini, nella sicurezza dei luoghi, in quando qualcosa di sconosciuto diventa familiare, e in quando lo chiami casa dopo un po’.

Credo negli incontri casuali che sono tutto tranne che un caso, e nell’ammettere a se stessi che hanno smesso di essere casuali da quando ti ritrovi soprappensiero a fantasticare su un sorriso.

Credo nei pomeriggi lunghi, nelle merende che sembrano abbracci, nelle carezze prima di andare a dormire.

Credo nelle sere in solitudine, nelle passeggiate ai confini della notte, note nelle orecchie e silenzio nella mente, e nella sigaretta di chi fuma solo in momenti così.

Credo nei sogni che ti fanno svegliare triste, e in chi sopravvive in questo modo qui.

E credo in te più di tutto, e negli unici occhi con cui so vedere.

Credo nel tuo modo di guardare la vita, e in questo fatto che sotto la corazza senti tutto un po’ di più.

Credo nell’affetto che non dimostri, e in tutte le ferite che ancora non siamo riusciti a curare.

Credo nel tuo buio, e in tutta la luce che sa emanare.

Credo in tutti i contrari che sai essere nella coerenza delle tue contraddizioni.

Credo in quando ti osservo e nella leggerezza del non chiamarti, e in quando ti volti tu.

Credo in quando alzo gli occhi per cercarti e tu mi stai già guardando.

Credo in quando mi guardi senza dire niente, e nelle parole che non c’è bisogno di dire.

Credo in tutte le strade che abbiamo percorso insieme, e nel fatto che sono la mia strada di casa.

Credo in quando inventiamo il mondo, in quando immaginiamo di uscirne vivi, in quando poi ci guardiamo e tutto sommato ci basta quello che abbiamo.

Credo nell’unica fiducia che ho ben riposto, e in questo fatto che non ho bisogno di chiedere.

Credo nel tempo che è servito per cercarci, credo in ognuna delle volte in cui ci siamo trovati, e credo anche nel perdersi, perché serve per ritrovarsi ogni volta in modo diverso, e un po’ di più.

E credo, per tutti gli addii che ci siamo detti, che alla fine sarà per sempre. E sarà solo l’inizio.

@Italicuss

Immagini dal web 

Condividi

Lascia un commento