Riflessioni ad alta voce

Tutti abbiamo una gabbia in cui ci siamo rinchiusi.

Prigioni mentali prima che fisiche nate dal pensiero, da insegnamenti ricevuti addirittura regole non discusse, giudizi e aspettative su di noi e sugli altri.

Da qualche parte ho letto che tutto questo ed altro creano sbarre come fossero metallo fuso in una mescola di antiche paure e bisogni indistinti, solitamente è paura di quel che potrebbe accadere (a noi stessi o agli altri). In queste strutture rigide di pensiero, nelle quali decidiamo volontariamente di entrare ogni giorno e che vengono continuamente costruite nel tempo, le nostre coscienze sono rinchiuse mentre i nostri corpi sono fuori.

Ho sempre pensato che sicuramente chi è chiuso in una prigione, ovviamente intesa come mentale, riesce da uno spiraglio a vedere che fuori dal suo mondo esiste un mondo migliore, forse un po’ triste ma con molta propensione alla positività e all’ottimismo.

E’ importante capire che si deve essere sempre ottimisti e positivi, questo anche nei rapporti con l’altra persona soprattutto se si è all’inizio di una conoscenza e poi di un rapporto perché il periodo più sensibile e critico in cui ci si deve conosce ma soprattutto imparare a fidarsi.

Credo che se decidiamo di stare con una persona iniziamo un percorso nel quale rientra anche l’accettazione, con il tempo certi “difetti”, che io preferisco definire “caratteristiche”, si può arrivare ad amarle e sono quelle che ci rendono unici. Beh, può succedere che finisci per amare una persona soprattutto per i suoi difetti, che diventano, quindi caratteristica di unicità, che siano fisici o caratteriali non ha importanza, ciò che conta è avere al proprio fianco la persona giusta, che abbia il nasone, o che sia permalosa perchè nessuno è perfetto sia a livello fisico che caratteriale.

A me succede per prima cosa di non far molto caso e quindi accettare quelli fisici, anche perchè il carattere lo si scopre vivendo giorno per giorno la relazione o la conoscenza.

Per instaurare un rapporto si devono accettare i pregi e difetti di entrambi, i pregi sono capaci di amarli tutti, con i difetti invece molti trovano delle difficoltà, purtroppo non sempre le persone sono come ce le aspettiamo, ma se veramente ci teniamo e amiamo qualcuno anche le imperfezioni, anche il lato più brutto del carattere impariamo ad accettarlo.

La perfezione assoluta non esiste, ogni persona è un misto di pregi e di difetti ed è unico per i propri difetti sia fisici che caratteriali

Marinella

Condividi

Lascia un commento