Come sono ben lontani i tempi in cui ognuno svolgeva il proprio compito, studiava nel campo in cui era appassionato e metteva le proprie conoscenze a disposizione della comunità, per iniziare a quella di appartenenza, e se poi era veramente in gamba, magari riusciva ad affermare la propria professione mettendola a disposizione di una platea ben più vasta. Adesso non è più cosi la comunità si è allargata, è tutta compresa nel mondo globale, rappresentato dai miliardi di utenti che ogni giorno si aggirano in quella comunità globale chiamata Internet. Internet è progresso, è scambio veloce di informazioni, è tutto ciò che ci permette di rimanere in contatto con il mondo con un semplice click. Ma quali sono gli effetti di questo progresso?

Sicuramente effetti benefici ce ne sono tantissimi dall’uso della rete, ma spesso gli effetti benefici possono anche trasformarsi in effetti nefasti. Al giorno d’oggi quando ci si presenta un problema, di qualunque natura esso sia, la prima cosa che facciamo è cercare la soluzione su google.

Ma quando può essere positivo tale approccio?

Può esserlo per riparare piccoli oggetti, ma non può andare bene per sostituirsi a dei professionisti che hanno studiato, hanno speso del tempo, hanno fatto sacrifici enormi per mettere a disposizione della platea le proprie conoscenze. Prendiamo ad esempio un medico dopo anni e anni di studio che rispondendo al telefono, ad una chiamata di un suo paziente, si sente dire se può prescriverle quel determinato farmaco.

Il medico a tale richieste magari chiede quali sintomi lamenta, e come mai la richiesta di quel determinato farmaco. Guardate non è storia inventata, ma un’esperienza diretta perché la faccia del medico è diventata di un rosso dalla rabbia che si è messo ad urlare con testuali parole:”Ma allora noi medici che ci stiamo a fare se le diagnosi le ricercate su internet? Venga allo studio altrimenti non le prescrivo nulla!!!!” Può sembrare assurdo ed invece non lo è perché ormai tutto si cerca su internet, tutti pensiamo che su internet troviamo le soluzioni a tutti i nostri problemi quando invece non è cosi. Chi pensa di sapere tutto in fin dei conti non sa nulla perché internet contiene tutto ma non può mai sostituire la professionalità delle persone soprattutto in molti ambiti.

Un click non potrà mai sostituire un confronto con chi ha ci ha messo anni per conoscere, e soprattutto un click a volte più che risolvere, può creare maggiori problemi soprattutto se non si è in grado di filtrare le informazioni, e credere alle prime notizie che troviamo. Come diceva uno spot in tempi passati “Una telefonata allunga la vita” adesso un click può rovinare la vita e non solo in campo medico.

@Aischandro

Immagini dal web 

Condividi

Lascia un commento