Carpe Diem

Perdiamo molte occasioni, si può dire più occasioni che accendini. Ma come capire qual è il momento giusto? A questo non so dare una risposta, potenzialmente ogni momento è quello giusto per dire quello che vorremmo o fare quello che potrebbe allentare la presa del rimorso dalla nostra pelle.

Cosa ci fa perdere l’attimo? Molte volte è la paura, paura di fallire, paura di non essere capiti o criticati, di non essere all’altezza. Sul fatto di essere criticati o capiti potrei dire che è meglio ascoltare la voce della propria ragione che quella della bocca di un estraneo, perché il “popolo” avrà sempre un motivo per lamentarsi di qualcosa, anche dando il massimo non basta mai, si sarà sempre ricordati per l’unico, misero errore che abbiamo commesso senza alcuna possibilità di appello o redenzione.

Altre volte perdiamo occasioni semplicemente perché non ci si rende conto della situazione che viviamo, distratti dai piaceri che un pensiero possa sviluppare o troppo tristi a furia di nuotare in un passato troppo profondo e freddo da poter superare. 

Quindi come cogliere quell’attimo e farlo diventare un momento perfetto di una vita imperfetta?

Semplice, non c’è un modo, basta solo seguire l’istinto, l’unica cosa rimastaci dal nostro essere animali, quello non sbaglia quasi mai

Giuseppe Caputo

Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento