E ti racconterò

Voglio provare con te ognuna delle sensazioni che ci siamo persi per strada. Voglio guardarti negli occhi e stupirmi di quanto siano ancora più belli che nel sogno. Voglio dirti che ho guardato il cielo ogni notte pensando che era lo stesso che proteggeva te. Voglio dirti che quel temporale non l’ho guardato da solo, e che mi sono ammalato sotto la pioggia della tua troppa assenza. Voglio raccontarti della malinconia che mi attanagliava lo stomaco per il troppo pensarti e il troppo non vederti, per il troppo cercarti e il troppo non riuscire a trovarti mai.

E ti racconterò di come io mi sia svegliato ogni mattina con i tuoi occhi accanto, e di come ogni sera io mi sia addormentato chiedendomi se i tuoi fossero già chiusi. E ti racconterò delle notti, sempre insonni, e di quei battiti che facevano così rumore che mi pareva ci fossero anche un po’ dei tuoi insieme. E ti racconterò ogni onda e ogni granello di sabbia che mi sono rimasti addosso nelle lunghe passeggiate che ho fatto immaginando ci fossi tu a guidarmi lungo il cammino. E ti racconterò di tutte le conchiglie il cui suono ho portato all’orecchio, sperando avesse almeno un po’ del ricordo della tua voce. E ti racconterò che il caffè aveva un sapore diverso ognuno dei giorni in cui sono stato lontano, e che faticavo a mandarlo giù perché sapeva della tua mancanza, lo stesso che ha ognuno dei giorni in cui non posso scorgerti con la coda dell’occhio. E ti racconterò, per ognuno degli orizzonti in cui il mio sguardo si è perduto, quanto io abbia sperato di vederti camminare tra l’erba alta, con il sole sul viso.

Ed infine ti racconterò di quanto mi faccia sorridere anche il solo immaginare di poterti dire sul serio queste ed altre cose bellissime.

@italicuss

Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento