Il pane è un prodotto ottenuto dalla fermentazione, da una lievitazione, e da una cottura in forno di un impasto a base di farina e acqua.
Con il suo posto fondamentale nella tradizione meridionale, nella cucina di un tempo si usava definire companatico ogni preparazione che poteva accompagnarsi al pane, proprio a sottolinearne l’importanza. Il pane può anche non essere lievitato, prende il nome di azzimo e può esser conservato per lunghi periodi; è diffuso soprattutto nei paesi medio-orientali ed è un prodotto senza aggiunta di sale.
E’ considerato, la più importante fonte di carboidrati nella dieta, ed in Italia ogni regione ne ha una sua versione. A forma di filone in Abruzzo (provincia de L’Aquila), a forma di cornetto in Basilicata, la Pitta calabrese, il pane cafone campano, la Coppia Ferrarese in Emilia-Romagna, la Biga friulana, la ciriola romana, il pane di Triora in Liguria ed il pane di segale lombardo, ma anche la crescia marchigiana, il grissino piemontese, il pane spiga molisano, il pane di Altamura pugliese, il sardissimo pane casarau, la Vastedda di Ramacca sicula, il Vinschger Paarl tipico alto-atesino, il pane di Terni, l’ambrogino veneto, la Tirassa valdostana ed il famoso pane senza sale toscano, ad esempio sono solo alcune delle varietà di pane presenti nel nostro paese.

Sempre per mantenere un filo logico sulla stagionalità di un prodotto alimentare, abbiamo già parlato di tutte quelle ottime qualità che caratterizzano la zucca ed un altro modo gustoso per utilizzarla è facendo il pane.

E’ abbastanza veloce da realizzare e da una soddisfazione incredibile. 
Ecco gli ingredienti:

250 gr di farina 00
250 gr di farina manitoba
300 gr di zucca (pulita da buccia, semi e filamenti)
1 bustina di lievito di birra o 1 cubetto
2 cucchiaini di sale
125 ml di latte tiepido
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
semi di sesamo/lino/zucca q.b.

Tagliate a dadini piccoli la zucca e cuocetela in una padella con un filo di olio. Con un cucchiaio, schiacciatela durante la cottura per renderla una poltiglia ed una volta pronta, lasciatela raffreddare.
Al centro di una spianatoia, versate le due farine e formate una fontana. Unite al centro l’olio extravergine d’oliva, il lievito ed il latte tiepido. Iniziate ad impastare con una forchetta ed unite la zucca ormai fredda. Incominciate ad impastare con le mani ed unite il sale (non siate avari se la zucca è quella arancione classica di Halloween). Una volta ottenuto un panetto morbido e liscio, lasciate riposare fino al raddoppio (circa due ore) al caldo e sotto un canovaccio umido. Formate un’unica pagnotta e posizionatela in una teglia, oppure un filoncino da cuocere in uno stampo da plumcake oppure formate dei panini, in quest’ultimo caso, dovranno lievitare altri 30 minuti. Spennellate con l’olio extravergine d’oliva al superficie e cospargete con i semi di sesamo, con semi di zucca o semi di lino se preferite. 

Cuocete la pagnotta, il filoncino o i panini alla zucca in forno preriscaldato a 180° per 30-35 minuti (i panini 20-25.) 

Condividi

Lascia un commento