Il viaggio della piccola foglia?

Il tempo ormai era giunto: uno sbuffo di vento e via a roteare nell’aria cadendo giù veloce, nell’angolo del marciapiede accanto alle mie sorelle che già mi aspettavano li.

C’è confusione in giro, il tempo è umido, quasi sera. La gente passa ignorandomi come se non fossi la stessa foglia che in estate gli offrirà l’ombra sulla testa dalla calura estiva…il vento ci sposta di qua e di la, qualcuna di noi viene anche calpestata sollevando un crepitio , un grido leggero che nessuno sente.

Mi sposto veloce con il vento…. Rotolando finisco accanto ad una ghiera di ferro che funge da raccoglitoio, pronta per un lungo viaggio verso dove, chissà…D’un tratto mi sento sollevare su per aria: è un bambino che mi ha preso. Mi scruta nemmeno fossi un oggetto mai visto prima e non so che fare mentre i suoi occhi grandi mi osservano.

Finisco in uno posto buio e stretto, una tasca forse, accanto a due caramelle, un pennarello e fazzolettini. Ho paura. Temo perché conosco i bambini: ho visto che alcuni staccavano dagli alberi le foglie più grandi e le gettavano nella grande fontana ovale in mezzo al parco a farle galleggiare, mentre ridevano nell’attesa di finire giù, nello scarico…chissà che cosa faranno a me…noi foglie siamo speciali: diamo respiro al mondo, facciamo ombra dal caldo e durante le stagioni cambiamo spesso colore, per dare serenità a chi ci guarda.

La piccola foglia aspettava timorosa il suo destino, temendo di finire gettata via dai capricci del bambino, mai aspettandosi invece una bella sorpresa: il bambino la prese delicatamente dalla tasca, la posò al centro su un grande foglio bianco insieme ad altre sue consorelle foglie tutte diverse e variopinte e sorretta con cura per un angolino da un pezzetto di nastro adesivo colorato sotto di lei con un pennarello color oro il bambino scrisse a grandi lettere: “La foglia più bella del bosco, la principessa dell’autunno!”.

E fu così che la piccola foglia, serena e soddisfatta, trovò finalmente il proprio posto nel mondo. ??
Giuseppe M.

immagini dal web

Condividi

Lascia un commento