Io sono qui
e dietro ci sono le barche,
                                 non fanno rumore…

Ovunque il mare:
lui può riempire ogni cosa;

e tu, sulla linea d’orizzonte
che non esiste,
                              (come niente d’altro canto):

insieme alle sirene che lo ammaliano: seguile!

Non si perde niente,
                               se non ciò che è già perso.

C’è un posto sulla panchina
e nient’altro
                               a parte il mare:

siediti accanto,
non parlare.

Abbiamo tutto tra le mani…

Alessandra Corbetta
www.alessandracorbetta.net

Condividi

Lascia un commento