Non si può piacere a tutti. Questo è ovvio. Siamo tanti in questo mondo e tutti diversi, per carattere, aspetto fisico, estrazione sociale, per il modo di fare e di essere siamo tutti diversi, e anche se non ci piacciano dobbiamo convivere, o per lo meno sopportarci. Certo, sarebbe bello avere solidarietà, complicità, un aiuto in un momento di difficoltà, ma non sempre è così. Spesso prevale la competizione, una vera e propria lotta senza esclusione di colpi.
E quello che meno mi piace è vedere le donne che si attaccano e litigano tra loro. Soprattutto sui social, dove anche senza conoscersi si accapigliano con cattiveria solo per ricevere qualche like o RT.
Perché lo fanno? Cattiveria? Mania di protagonismo? Noia? Forse un po’ per tutto, forse perché non hanno niente di meglio da fare. Non capirei e accetterei queste lotte anche se si trattasse di un argomento serio, reale, figuriamoci quando parte per una cazzata, per una parola o una foto che non piace.
Io penso che ognuno sia libero di fare ciò che vuole, purché non nuoccia agli agli altri. Su un social ognuno può postare ciò che vuole, e ognuno può decidere se vederlo o ignorare, può esprimere la propria opinione senza però offendere chi lo ha postato o i suoi amici.
Ma spesso non è così
Persone (soprattutto donne) che vengono attaccate o criticate solo per l’aspetto fisico, solo perché non rispondono a certi canoni di bellezza. Che poi, chi decide se uno è bello o brutto? Chi dà il diritto di erigersi a giudice?
E cosa ancor peggiore è che molto spesso l’attacco viene fatto in branco, donne e anche uomini, che si alleano per far la guerra ad un altra donna, non solo perché è la malcapitata di turno, qui si tratta di vero e proprio stalking, cyberbullissimo.
Ogni giorno, nei social e nella realtà, questi episodi non mancano.
Io non chiudo gli occhi, nel mio piccolo cerco di fare qualcosa, tranne aumentare polemiche sui social, tranne dare importanza a questi bulli, non faccio il loro gioco.

@danpuzzle72 per @tantipensieri

Immagine dal web

Condividi

Lascia un commento