Svegliarsi, mettersi in piedi e cercare di far ingranare la giornata. Oggi sembra Mission Impossible che neanche Tom Cruise sarebbe in grado di affrontare senza bere almeno tre caffè, ma belli forti, comunque non so come e perché ma riesco ad arrivare al treno e, come sempre, tra noi donne c’è quasi una bell’accoglienza, ormai ci conosciamo ci scambiamo sorrisi di cortesia sguardi di apprezzamento stile “ohhh che belle scarpe oggi… ohhh ma che bella giacca”, insomma sembra tutto bello e cordiale, come solo delle donne possono fare. Ma attenzione, tutto questo fino a quando non viene annunciato l’arrivo del treno.

Lo vediamo arrivare da lontano… e mentre lo aspetto serena al mio posto mi accorgo che la fermata si sta trasformando in uno stadio olimpico per i campionati di atletica, le stesse donne di prima ora hanno occhi iniettati di sangue, sono pronte ai posti di blocco e si ringhiano tra di loro…

Ok, ora ho ufficialmente paura… non ho né il caschetto né le protezioni. IO NON LO SAPEVOOOOO… (ora capisco il significato che la legge non ammette ignoranti, ha ragione è colpa mia se non lo sapevo) NON SONO PREPARATAAAAA… tre, due, uno, viaaa…

Arriva il treno e la signora con il tacco in tinta con la maglietta (brava, bell’accostamento) con una mossa veloce dribbla due persone tra cui me e passa in testa a tutti, arriva davanti alla porta del treno e… ahahahahaha non si apre è rooootttaaaaaaa…

Bene, abbiamo un nano secondo per recuperare posto, la signora Hoogan (ogni mattina un paio diverso) è avvantaggiata e fa uno scatto in avanti, mi STA RAGGIIIUNGENDOOOO…, ok è arrivato il momento di creare un diversivo ‘Maaa… quello laggiù sembra Brad Pitt nudo, proprio in fondo al trenoooooo, correteeeeee…’ , funziona quei trenta secondi finché non mi chiedono ‘perché se Brad Pitt è là tu sei ancora qua??? ‘ , lasciamo stare. Nel frattempo la signora bellaccostamento ci ha raggiunto… mi sta sorpassando… questione di un istante e… vince..!!!

Davvero di poco, ho visto, si è buttata tutta in avanti, chiederò il foto-finish al controllore… perché non sono sicura… forse è stata la scarpa a punta a farla vincere…

Siamo sedute tutte accaldate e sudate, la piega è già andata e sono solo le sette e dieci…, siamo sul treno e ci guardiamo di nuovo con sorrisi dolci, è tutto finito ora…

Ma domani… RIVIIINCITAAA (mi metterò le scarpe con il tacco basso, stronza, che ti credi!?!).

Marinella per @tantipensieri

Immagini da web

Condividi

Lascia un commento