Una stanza, una lanterna che la illumina, le decorazioni dentro una vecchia scatola di cartone, un albero ancora traballante con degli aghi di pino che cadono disordinatamente sul pavimento. Inizi a recuperare da un impolverato scatolone oggetto per oggetto e ognuno racconta un ricordo ben preciso. La pallina rossa comprata ad un lontano mercatino, la stella intrecciata da un’amica con i fili di lana, un angioletto dipinto da tuo figlio, le lucette ingarbugliate tra loro. Rituali di ogni anno che si ripetono e che ti regalano quella magia  per prepararti alla meravigliosa giornata del Natale. Son le piccole cose quelle che ti fan attendere  il Natale, sono i  gesti che ti fanno tornare bambino, anche appoggiando  con infinita delicatezza Gesù nel presepe. Come quando eri  ancora  all’asilo e  lo  adagiavi con la tua piccola mano senza muovere nessun’altra statuina…
È magia…è una lenta e gioisa magia che ti prepara per quel giorno in cui tutto si ferma, tutto migliora tutto fa pensare che esser buoni si possa.
Non solo  a Natale…

Sabrina per @tantipensieri
Immagine dal web

Condividi

Lascia un commento