Prendo l’agenda in mano per segnare alcuni appunti e mi rendo conto che siamo già a dicembre.
Mancano ormai meno di 2 settimane al mio ritorno in Sicilia e già non vedo l’ora di prendere quell’aereo. Non riesco proprio ad immaginare una festa lontano da casa, senza la mia famiglia, senza la mia Roccella.
Saranno come sempre saranno giorni intensi, voleranno di certo senza che io possa accorgermene, ma ho intenzione di godermi ogni istante al massimo.
Ci saranno lunghi pranzi e cene infinite, uscite con gli amici, giocate a carte fino a tarda notte, ma prima di tutto ci sarà una novità che mi aspetta. C’è già fermento per il concerto che coinvolgerà scuole, banda e coro. È la prima volta che si decide di fare una cosa del genere e da mesi si va avanti con le prove, l’organizzazione, con la realizzazione di tutto.
Sarà una serata speciale, ricca di musica, di canzoni e di poesia. Tra le note di un flauto o di un clarinetto. Tra il canto degli adulti e le poesie dei bambini.
Sarà una serata di calore e di magia. La magia che solo il Natale sa regalare. Quella magia che ci unirà per una sera e fonderà tutte le voci, creandone una sola.

Arycaffa per @tantipensieri
Foto dell’autrice

Condividi

Lascia un commento