Inchiostro nero di Milo De Angelis perché: la prossimità, che talvolta diventa sovrapposizione e alle volte disgiunzione tra vita e parola, viene descritta dal poeta in maniera tagliente e naturale, come se i modi di manifestarsi dell’esistenza abitassero dentro il pensiero scritto qualche ora, e qualche ora tornassero dentro le pratiche quotidiane anche le più fragili, le più disperate.

La vita esce dal quaderno

a righe, stamattina, svolge i pensieri,

supera i ponti, getta le sillabe

in un fiume di acque lunari e di ragazze

disperate per un corpo da niente

un cenno delle labbra,

una tenerezza protesa nel vuoto.

( da Tutte le poesie 1969-2015, Mondadori 2017)
@acorbetta per @tantipensieri
Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento