Ho fame di parole, certe,

certe come pietra millenaria

(parole) guanciale

                              minestra fumante

                                                     corazza e ossa pesanti

                                                                             zucchero filato

                             notturne (le parole)

(parole) luce del giorno.

E allora ti faccio una proposta,

                                                                             facciamo un inventario, un catalogo o una lista,

                                          mettiamoci dentro le cose più strambe, più divertenti o tristi.

Oppure facciamo un viaggio.

                                                                                        Io metterò in valigia le parole giuste,

Sai, il treno parte alle    

tu aspettami vestito del tuo sorriso più bello,

Aspettami in testa al treno, con in testa solo me.

                                                      Oppure vai al diavolo,

                                                                           Senza di me.

                                               E mangiati queste (parole nella valigia).

Marinella per @tantipensieri

immagini dal web

Condividi

Lascia un commento