Pioggia e lacrime

Un pomeriggio freddo d’inverno. La pioggia scende silenziosamente, Anna si avvicina alla finestra, i vetri sono appannati, istintivamente disegna un cuore, ma lo cancella subito. Il cuore, oggi il cuore è triste, le fa male. Appoggia la fronte al vetro. Sente un piccolo brivido, il vetro è freddo, ma non si muove, quel freddo la fa stare meglio, la testa sembra scoppiare troppi pensieri, troppe parole chiuse in gola. Quel freddo riesce a calmarla, almeno un po’. È finita. Stavolta è davvero finita. Luca è andato via, definitivamente. Doveva succedere, lo sapeva bene, tante volte avevano litigato e tante volte era tornato e l’aveva perdonato. Ma la loro storia non poteva continuare, non era amore quello. Anna lo sapeva, ma non riusciva a dire no.

Ora l’ha capito, ora ha detto basta. È rimasta sola in quella casa. Sente il vuoto intorno, ma stavolta non le fa paura. Piange silenziosamente, come la pioggia, senza far rumore. Ha già urlato abbastanza, ha già detto tutto. Ora vuole silenzio, per ascoltarsi. Non sa per quanto tempo è rimasta così, la fronte contro il vetro freddo, le lacrime a scaldarle il viso. Ha smesso di piovere, tornerà il sole. Anna ha smesso di piangere, tornerà di nuovo a vivere.

 per @tantipensieri

Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento