Caro Tantipensieri

Caro Tantipensieri

Caro Tantipensieri, giorni fa tra i tuoi pezzi mi ha colpito in modo particolare quello di Leandra: “io non ho paura”, mi ha subito rimandato al passato, mi ha portato a riflettere, a fermarmi e a fermare le parole per scrivere. Io non ho paura. E riaffiora prepotente una lettura che feci ancora ragazzina, in

Uscire da noi

Uscire da noi

La paura di essere dimenticati. Credo sia questo che detta il quasi disperato bisogno di apparire, di mettere sul mercato ogni minimo dettaglio della propria vita, le ansie, quello che intimamente ci accade; lo trovo forte e inutile, ma che rispecchia tante persone in una società veloce e distratta. Sarà un modo per urlare “io

Senza catene

Senza catene

Esperienza. Un guardare oltre una finestra mentre piove e avere comunque la voglia di uscire ed essere me stessa. Sì, perché l’esperienza è anche non farsi mettere i piedi in testa e non avere paura di reagire o di essere al primo posto. Ci sono donne mature che ancora credono al gioco del silenzio pur

La mia notte

La mia notte

Mi sedetti alla scrivania nel silenzio della stanza. Fuori pioveva e la domenica sarebbe scivolata via senza lasciare troppa traccia. Il respiro era corto e mi sentivo stanca. Osservavo. Davanti a me i miei libri, quelli che appena venni a vivere in questa casa avevo deciso di mettere in un luogo speciale, in quella stanza

Buon compleanno Sara

Buon compleanno Sara

Buon compleanno Sara! Quando ti ho fatto entrare nella mia vita sei stata come quell’amica sempre pronta ad ascoltarmi e a modo tuo consolarmi, arrivata in un periodo particolare di me, di un percorso che mi rendeva davvero molto triste, ma al tempo stesso una guerriera con armatura indistruttibile. Sei arrivata…ti ho creata. Così, nata

E si è rotto tutto

E si è rotto tutto

Sarà la neve che fuori non smette di cadere, sarà la nostalgia o forse quel velo di rabbia che mi fa urlare da dentro un ovattato “perché?”   Mi hanno dato colpe che non ho, ho smesso di contare le lacrime silenziose che mi hanno rigato il volto.   Quando quelle urla ancora mi risuonano

L’attesa di te

L’attesa di te

Mi guardo le mani, i palmi sono pieni di righe che raccontano una storia. Sfioro le dita imperfette ma che mi permettono di fare tante cose, come accarezzare. E mentre sono qui, sogno la tua pelle morbida e profumata, qualcosa che non può essere descritto neppure quando potrò stringerti tra le mie braccia. Immagino e

Noi…la mia meta.

Noi…la mia meta.

Parlavano senza guardarsi negli occhi. Le mani poggiate sul ginocchio di lui, rimanevano incrociate e sigillate in un tocco che sapeva di tutte quelle volte che si erano cercati al telefono, con la voglia di dirsi un sacco di cose, ma alla fine ci avevano solo girato attorno, finendo con il ridere sulle stramberie combinate

Le emozioni sono specchi

Le emozioni sono specchi

Ci sono virgole che metteremmo ovunque per dare quel tono in più, quello che caratterizza, che fa la differenza. Camminavo e mi stupivo. Perché è così che mi piace essere, farmi assorbire. Non mi piace dimenticare neppure gli odori, le linee, i colori. E le emozioni. Se torno indietro affondo nei ricordi come un bambino

Dedicato

Dedicato

Per lei Non accendevo il pc da parecchi giorni e questa mattina l’istinto ha vinto su tutto. Oppure credo sia stato qualcosa di molto più grande. Volevo scrivere. Non che lo stia facendo per un motivo in particolare o perché io sia la migliore di un gruppo che si è creato in questi mesi, ma

Passi di danza, passi di vita.

Passi di danza, passi di vita.

“Ho voglia di calpestare l’erba e ballare.” Penso raccogliendo un fiore di campo. Così dovrebbe essere l’estate, quell’attimo di libertà che ci strappa dal solito, dall’essere insabbiati in routine che spesso stringono, anche i sentimenti. L’aria calda anche a ore tarde, il riverbero di suoni distanti, di feste colorate, di sussurri sbiaditi e di sogni