Ritratti: Claudia

Ritratti: Claudia

“Questa primavera pare non voglia arrivare mai”, a questo pensava Claudia mentre dalla finestra la pioggia cadeva incessante. Quello dell’attesa era un tema ricorrente nei suoi pensieri, pensava alla sua vita, ai suoi sogni, alle sue domande. Un continuo rinviare, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anni che passavano implacabili sul suo viso sempre più

Un foglio bianco

Un foglio bianco

Scrivere, non conosco altro modo di mettermi in contatto con me stesso, un bisogno di sentirmi nudo, senza difese, senza l’offuscamento di inutili verbalizzazioni, di gesti, libero dalla mia faccia stanca. Solo un foglio bianco, uno spazio aperto su cui correre, capire in cosa riesco ancora a credere, perché quando le parole arrivano non passano

Sotto pelle

Sotto pelle

Passiamo una vita a liberarci di colpe che non sono le nostre. Passiamo una vita a sentirci sbagliati, inadeguati, fuori posto. Un continuo cercare tra immagini sbiadite, tra frammenti di memoria dove tutto questo è iniziato. Forse sarà stato in qualche tiepido giorno di primavera oppure in uno di quelli freddi di gennaio, dove tutto

Alla deriva  – Parte prima

Alla deriva – Parte prima

“Alla deriva”, un’immagine che spesso passava per la sua mente, per i suoi occhi. Non si trattava di un pensiero tragico, anzi. Francesco la considerava una condizione romantica, piena di stimoli e soluzioni. Vagare senza conoscere il possibile approdo sembrava una possibilità che metteva tranquillità, un senso di pace, una vita normale, forse troppo, e

A proposito dei fantasmi 

A proposito dei fantasmi 

Un gioco al massacro, una folla inferocita che corre verso una possibile via di salvezza. Gente che cade, nessuno si ferma, la paura e l’angoscia sono troppo forti. Così spesso appare la vita, tutti contro tutti, nessun riferimento, solo confusione e paura. Qualche anno fa, c’era qualcosa a cui aggrapparsi, penso ad esempio alle ideologie

Vorrei solo guardare le cose passare

Vorrei solo guardare le cose passare

Certi giorni mi basta solo pensare che sia possibile. Questa, la riflessione che laconicamente Francesco ripeteva a se stesso. Del resto, pensava, che la dimensione del dubbio, anche la sola possibilità teorica che qualcosa accadesse, era sufficiente per avere il sorriso stampato in faccia. Spesso era giunto alla conclusione che il percorso verso qualcosa e

La bellezza e la paura di sentirsi nudi

La bellezza e la paura di sentirsi nudi

Ci sorprendiamo quando qualcosa irrompe nella nostra vita facendoci acquisire nuove consapevolezze. Ma cosa potrebbe determinare questo nuovo stato di cose? Da dove dovrebbero provenire questi elementi di novità? Giorgio era profondamente convinto che sarebbe toccato anche a lui questo momento magico, sorprendersi. Finalmente sarebbe cambiato tutto. Forse sarebbe stata una persona? Oppure una vincita

A proposito dei desideri…

A proposito dei desideri…

C’è un pericolo quando alcuni desideri si realizzano, la delusione che ne può scaturire una volta che questi si concretizzano. Ciò accade o perché, forse, non sono desideri reali oppure perché non siamo ancora pronti per viverli. In tutti questi casi bisogna rileggere attentamente i vari passaggi, capire cosa è sfuggito, cosa non combacia. Spesso

Sapevo sorridere, non lo sapevo

Sapevo sorridere, non lo sapevo

Davide era solo in macchina quella sera…stava aspettando e, come al solito, era in anticipo. Dalla radio le note di Heroes di David Bowie gli sembrarono subito perfette, una disperata voglia di essere felice, gridare la propria rabbia. Era questo quello che sentiva. Erano le 18.45 di un giorno come tanti, uno dei tanti passato

Ero invisibile, non lo sapevo

Ero invisibile, non lo sapevo

Teresa aveva gli occhi tristi, lo sguardo sempre più spento eppure non era trascorso molto tempo da quando il suo sorriso era capace di provocare quell’incanto che solo le cose autentiche sono capaci di generare. Aveva 54 anni, viveva in un paese della provincia campana, alta 1,60, fisico esile si era sempre mossa con difficoltà

Un mare senza tempo

Un mare senza tempo

Non è semplice costruirsi un futuro, non sempre dipende da noi. È tutto così maledettamente difficile, trovare gli incastri giusti, il momento giusto.
Queste erano le riflessioni che affollavano la mente di Umberto mentre, con passo lento, si apprestava a sostenere il suo ottavo esame.

Non ho mai saputo volare

Non ho mai saputo volare

Succede così, senza neanche rendersene conto. Questo pensava Nicola mentre si preparava per andare a lavoro. Ormai l’amarezza aveva lasciato il posto a un sentimento diverso, non riusciva più a provare entusiasmo per niente, ogni cosa gli scivolava addosso. Aveva raggiunto un atteggiamento di indifferenza rispetto a tutto, questo era evidente. L’esterno appariva ai suoi

Le onde della mente – II parte

Le onde della mente – II parte

Finita la seduta, Davide provava un senso di vuoto, gli sembrava che quello spazio e quel tempo fossero lontani dalla sua realtà, sapeva che stava aprendo una porta della sua vita rimasta chiusa per troppo tempo, aveva una sensazione di paura. Aveva fatto la scelta giusta? Gli sarebbe servito veramente tutto questo? Mentre pensava a

Sapevo sorridere, non lo sapevo

Sapevo sorridere, non lo sapevo

Davide era solo in macchina quella sera…stava aspettando e, come al solito, era in anticipo. Dalla radio le note di Heroes di David Bowie gli sembrarono subito perfette, una disperata voglia di essere felice, gridare la propria rabbia. Era questo quello che sentiva. Erano le 18.45 di un giorno come tanti, uno dei tanti passato