Gessetti.

Gessetti.

Primo mattino corro in stazione a cercare di prendere almeno il secondo treno perché come al solito arrivo tardi quindi a prendere il primo ci ho rinunciato da mesi. Il problema è che per trovare un posto libero devi avere qualche aggancio direttamente con Roma a quanto pare bisognerebbe scomodare il Papa o avere buoni rapporti

Gioco sola…con te.

Gioco sola…con te.

“Ti regalo il presente, ho solo quello. E credo che nessuno abbia di più.” Dicono… per me è un’illusione, un’inutile giustificazione. Ma in questo “qui e ora” si sente che c’è crescita, giorno su giorno, che c’è carne, sangue, sudore, desiderio implacabile di vita, di voglie indecenti, di pensieri infinitamente impuri, di follie e incoscienza.

È il terzo millennio.

È il terzo millennio.

Oggi è la prima vera giornata di primavera che, pur in ritardo rispetto al calendario, ha “scaldato” è anche la domenica di Pasqua e dopo l’abbondate pasto la voglia di buttarti sul divano a sonnecchiare è tanta, te lo proibisci, ma anche se non ne hai molta voglia trovi la forza e così ti dici

Le emozioni…che baraonda!

Le emozioni…che baraonda!

  Sono ormai le quattro di una mattina qualunque, ancora una giornata inutilmente sola. Ci sono giorni che ti giri a destra ed a sinistra per cercare di capire il vero significato delle parole Amore, Amicizia, Affetto, Sincerità, Rispetto. Hai sempre pensato di conoscerlo ed a tuo modo l’hai donato agli altri, anche un semplice sorriso…

Il tempo guarisce le ferite?

Il tempo guarisce le ferite?

  Mi sento di affermare che il tempo non guarisce nulla. Il tempo è anche oblio e più che guarire, ha l’effetto di rendere meno vivi i dolori o le emozioni. Quindi è solo una storiella che ci inculcano fin da piccoli e lasciatemelo dire secondo me anche una grande stronzata, perché dipende tutto da

Il coraggio di sognare…

Il coraggio di sognare…

Così vanno le cose, le strade, le vite. La mia, la tua, la nostra storia, quella del passato mai dimenticato. Forse c’è una misteriosa entità che fa avvicinare le persone, loro si raccontano molte cose che non hanno raccontato mai a nessuno, altre le lasciano vedere. E nel frattempo hai già visto molte altre cose mai mostrate, ma questi

Esperienza Unica

Esperienza Unica

Con Sam non ci conosciamo da molto ma la sintonia è scattata da subito, stretta di mano vigorosa e decisa, di quelle che ti fanno percepire, tranquillità e sicurezza, senza strapparti il braccio, sguardo caldo, si sofferma a guardare gli occhi e la bocca e in un attimo quella sensazione forte di avere davanti un Uomo

♠ Il rifiuto…

♠ Il rifiuto…

– Posso baciarvi il collo? – Non chiedete il permesso. Se volete fare qualcosa fatela perché è un vostro desiderio,    non una mia concessione.   Affrontate il rischio del rifiuto. Citazione tratta da Penny Dreadful, la serie televisiva di genere horror. Avere la capacità di affrontare il rischio di un rifiuto, si tratta di

“La porta del cuore”

“La porta del cuore”

Scrivere e fotografare le veniva bene era il suo modo preferito di raccontarsi, per lei era davvero troppo importante, purtroppo da un po di tempo non riusciva a scrivere poesie. In quel periodo particolare che stava attraversando si era resa conto che il respiro era diventato la sua poesia e avrebbe voluto più che mai

Irrequieto

Irrequieto

L’uomo è una creatura alquanto strana, a volte è insaziabile, irrequieto e troppo spesso insoddisfatto, mai in pace con sé stesso, si lascia costantemente travolgere da un’orgia di desideri proibiti e molto spesso anche irrealizzabili. Desiderare ciò che non si ha o non si può avere fa parte dell’eterna volubilità dell’essere umano, forse proprio per

Ricordando Faber

Ricordando Faber

Ho conosciuto Stefano, un ragazzo simpatico,  mentre parla  noto l’accento mezzo romano ed allora mi è sorta una domanda, quindi gli chiedo “perché hai scelto Genova?”  e lui: “ho scelto Genova per De Andrè”. Quando ha saputo che ho conosciuto personalmente Faber mi riempie di domande, e racconto brevemente la mia storia, ad esempio di

Riflessioni ad alta voce

Riflessioni ad alta voce

Tutti abbiamo una gabbia in cui ci siamo rinchiusi. Prigioni mentali prima che fisiche nate dal pensiero, da insegnamenti ricevuti addirittura regole non discusse, giudizi e aspettative su di noi e sugli altri. Da qualche parte ho letto che tutto questo ed altro creano sbarre come fossero metallo fuso in una mescola di antiche paure

Biblioteca ti amo

Biblioteca ti amo

Sei un luogo di aggregazione e di solitudine, punto di riferimento culturale imprescindibile. Silenzio e vociare, per chi ama stare con se stesso ed assieme agli altri perché è un modo per ritrovare e ritrovarsi. Dove l’atmosfera è unica soprattutto quando vivi e respiri quel suo singolare profumo… Quante ore trascorse sui quei libri da

Monella

Monella

Sono una Monella che non cerca la banalità, desidero una mente che sappia prendermi nel verso giusto. Una mente galante e intraprendente, un po bastardo e gran baciatore. Adoro le provocazioni e le mani laboriose… adoro la lingua e i baci con i morsi. La storia di Noi immensamente uniti dentro. Venire verso di te