Ciò che resta

Ciò che resta

Il corridoio nella penombra, gli scuri accostati e il riverbero di un’estate ormai lontana. Il vaso sul mobile all’ingresso, i suoi disegni a punta di china che accennano a simboli cinesi, dame abbozzate, un regalo di una vicina di casa che ormai non c’è più. Un mazzo di rose fatte essiccare. Lei ha sempre adorato

Inaspettatamente

Inaspettatamente

La pioggia sul tetto, le gocce sui vetri. Li rigano come fossero lacrime piante in solitudine, proteste silenziose di chi si è stancato di combattere. Le giornate si consumano in fretta e il buio avvolge sempre prima, il gelo tormenta le fragilità e avrei voglia di crollare, di lasciarmi cadere, di farmi schiacciare dal peso

Amori e amicizie

Amori e amicizie

Come ci siamo conosciuti? Quando? E in quale occasione? Un messaggio lanciato nell’etere, una vecchia canzone a fare da cornice, e poi piano piano una risposta, un saluto, una battuta. È anche così che nascono le Amicizie. Quando meno te l’aspetti, quando forse non sei nemmeno preparato, ecco che arriva quel colpo d’ala, ecco che scocca

Come quando avevano 4 anni

Come quando avevano 4 anni

Erano solo due bambini. Lui aveva appena compiuto 5 anni, lei doveva ancora farne 4. Andavano all’asilo insieme, giocavano, si divertivano e si innamoravano di quell’amore puro e sincero che solo i bambini di quell’età sono capaci di dare. Organizzavano il loro matrimonio con l’amica di lei che realizzava quadri di cartone e glieli regalava.

Lui, lei, l’ei

Lui, lei, l’ei

“Ma come fate?” “Ci vuole coraggio. Io non ce la farei” “Da quanto non vi vedete? Quando lo rivedrai?” Chi vive una storia a distanza si trova spesso a rispondere a queste domande. Domande a cui si cerca di rispondere con ironia, per celare le mancanze, la nostalgia, la tristezza, la sofferenza. Ma la frase

Fuochi fatui

Fuochi fatui

Nel fitto della Foresta Incantata, alberi secolari dai nodosi tronchi altissimi e dalle folte chiome cariche di autunno, diradano la loro presenza per disporsi attorno al piccolo, nascosto, quasi circolare Lago di Luce. Tra i rami protesi e inneggianti al cielo, filtrano timidi spiragli di Luna che si tuffano nelle oniriche acque leggendarie. Le rive

Era un uomo indefinito.

Era un uomo indefinito.

Non rispondere lo aveva fatto diventare il suo hobby preferito forse perché nel silenzio trovava il suo conforto, metteva su una maschera che lo aiutava ad andare avanti, tra opinioni maliziose e parole mancate ma soprattutto alle domande che gli venivano fatte preferiva tacere; era diventato molto bravo a sviare i discorsi in parole futili,

Amore

Amore

Ebbene sì, devo ammetterlo: ci sono persone in grado con una sola parola, con un solo sorriso, con un solo sguardo, di cambiarti il corso di una giornata. Quei giorni che nascono così, già complicati all’inizio. Ti svegli e avresti solo voglia di rimanere a letto, niente traffico, niente lavoro, niente stress, niente problemi. Poi

Voglia di volare

Voglia di volare

Sta rintoccando la mezzanotte. Mi avvicino alla finestra: un palloncino si perde nel buio, qualche rara stella accende in questo già freddo cielo autunnale. La luna calante, il profilo scuro delle case. Aggiusto le cuffiette, inizia la canzone, alzo il volume. Ad inondare i pensieri sono amorevoli note felici. Quelle speciali, esclusive, che raccontano storie

I nonni speciali di Emma

I nonni speciali di Emma

I genitori la mandavano spesso a passare le vacanze dai nonni che vivevano in campagna. Uno dei suoi momenti preferiti era quando passava del tempo da sola con i suoi nonni. Loro le parlavano del passato, di quando si mettevano le scarpe smesse dei fratelli più grandi anche se erano di quattro o cinque numeri

Il gigante e la bambina

Il gigante e la bambina

Le prime braccia che, dopo quelle dei miei genitori, mi hanno stretta appena nata. Le stesse che, dopo qualche mese, mi facevano “guardare il mondo”. Così dicevano quando la mia piccola schiena veniva appoggiata allo stomaco del nonno e, trattenuta dalle sue mani grandi, . Piccoli viaggi per le stanze della casa, attraverso i vasti