Quel treno

Quel treno

Quel treno che sta arrivando. Quel treno che stai aspettando. O quel treno che è già passato. Quel treno che non ti ritorna. Quello che non ti arriverà mai se non te lo cerchi. Chiamale occasioni, perse o mancate.  Chiamale scelte che la vita ci offre. Ognuno ha avuto il suo treno, preso o mancato. Ognuno

Sogno… o son desta ?

Sogno… o son desta ?

Mi stendo sul letto. La stanchezza inizia a farsi sentire. Combatto con le palpebre che diventano pesanti, cerco di tenere gli occhi aperti ma alla fine il sonno ha la meglio. Improvvisamente mi sveglio. Sento caldo, troppo. Mi guardo intorno, dove mi trovo? Avanzo incerta. Vedo una poltroncina di pelle rossa. Mi siedo. Davanti a me

Cara Mimi’

Cara Mimi’

Cara Mimì, tutte le volte che la maggior parte di noi donne ascolta le tue canzoni forse vorrebbe scriverti e farti mille domande e raccontarti mille cose, avventure, amori e parlare con te degli uomini. Pochi anni prima della tua scomparsa hai interpretato un gioiello delle musica italiana “gli uomini non cambiano” ed inevitabilmente sembra

Pikmakjoy

Pikmakjoy

Qualcuno di voi ha un amico immaginario? Qualcuno di voi ha talmente tanta fantasia che riesce ad aver un amico che nessuno vede ma che ti fa un po’ di compagnia? Chi non ha mai sognato di fantasticare con chi non esiste alzi la mano… Oggi voglio essere fuori le righe..oggi voglio mettervi alla prova

Tramonti

Tramonti

Cammino, persa dentro a mille pensieri. Cammino, mentre il giorno lascia il posto all’imbrunire, a quando la linea dell’orizzonte riesce a trasformare semplici colori in sfumature che passano dal rosa al rosso intenso. Mi fermo perché, da qualsiasi angolazione lo si guardi, un tramonto è magia; quella magia senza età che ti riscalda il cuore,

Ninna nanna ninna oh

Ninna nanna ninna oh

Vi osservo mentre dormite. Avete unito i letti, per poter stare più vicine quelle poche volte che siete entrambe a casa. L’oro e il rame dei vostri capelli mescolato e lucente, sotto un raggio di sole che filtra dalle persiane accostate. I visi struccati e distesi nel sonno. La pelle chiara di porcellana. Le mie

È arrivato il momento

È arrivato il momento

È arrivato il momento! Il momento dei saluti… Il momento degli arrivederci… Il momento degli “A presto”, anche se sappiamo che stavolta  non sarà poi così tanto presto. È arrivato il momento! Il momento degli sguardi silenziosi che vorrebbero dire tanto… Il momento in cui qualsiasi parola risulta  superflua, perché entrambi sappiamo ciò che vorrà

Come stai? Scarmigliata!

Come stai? Scarmigliata!

Come stai? (È una domanda imperdonabile) Come sto… Ma che ne so? In piedi, sono mezza viva forse no, mezza morta sto sbriciolata sono al meglio o forse no, al peggio tristissima smagliante sperduta attonita cornuta e biforcuta sono fatta a pezzi e morsi sono a piedi, in piedi languida e dissanguata stregata imbavagliata sono

My Bag “la borsa di una donna”

My Bag “la borsa di una donna”

  Vi siete mai chiesti cosa ci può esser dentro ad una borsa di una donna? Il mondo dico io. Dentro ad ogni borsa noi possiamo farci stare il mondo intero, sintetizzato certo,  ben stipato o disordinatamente riadattato  ci trovi di tutto, e più sono grandi,  più divertimento c’è per riempirle e far spazio per

Rilassandomi

Rilassandomi

Finalmente sono sola. Aspetto che tutti vadano a dormire e lascio che il silenzio avvolga ogni angolo della casa, perfino i miei pensieri. Stasera ho voglia di rilassarmi. Stasera ho voglia di farmi scivolare da dosso tutto lo stress accumulato durante la settimana. Ho voglia di riempire la vasca con acqua bollente ed immegermi mentre

Sognando Parigi

Sognando Parigi

Il mio amore per te parte da molto lontano. Erano i primi giorni di seconda elementare e una giovane maestra mi fece imparare la canzone che avrebbe dato vita a questo amore. “si tu a la joie au coeur claque la langue”: e fu subito colpo di fulmine! Negli anni il mio amore per te

Mangiati parole e valigia.

Mangiati parole e valigia.

Ho fame di parole, certe, certe come pietra millenaria (parole) guanciale                               minestra fumante                                                      corazza e ossa pesanti                                                                              zucchero filato                              notturne (le parole) (parole)

Viaggiare…

Viaggiare…

Viaggiare? Credo che siamo fatti per spingersi oltre. Credo che gli orizzonti ci attraggano e che le mete ci affascinano… Penso che siamo fatti di possibilità per poterlo fare o di limitazioni per non poter sfruttare la voglia di scoprire. Viaggiamo nel tempo o viaggiamo con i sogni, viaggiamo con le nostre gambe o con

Ero, sono, sarò

Ero, sono, sarò

Io ero… Ero una bambina che sembrava felice ma che dentro si sentiva triste. Ero una bambina che amava la vita ma che viveva dentro a sogni più grandi di lei. Ero una bambina che amava i colori ma che era talmente pessimista che vedeva tutto nero. Ero una bambina che aveva molti amici ma che in

Il vuoto

Il vuoto

Era una di quelle sere dove il ricordo e la malinconia lo afferravano, uno di quei momenti dove non sopportava niente e nessuno … dove ogni parola era una parola di troppo, dove ogni scherzo era mal sopportato. E allora preferiva starsene da solo, chiudersi nel suo guscio e pensare … ricordare … ricordare lei.