Inaspettatamente

Inaspettatamente

La pioggia sul tetto, le gocce sui vetri. Li rigano come fossero lacrime piante in solitudine, proteste silenziose di chi si è stancato di combattere. Le giornate si consumano in fretta e il buio avvolge sempre prima, il gelo tormenta le fragilità e avrei voglia di crollare, di lasciarmi cadere, di farmi schiacciare dal peso

Mani

Mani

Vorrei parlare  alle  mie mani, o alle mani di chi sa sentire a pelle… Parlo con le mani e capisco qualcosa, credo che il linguaggio delle mani sappia dire molto se non tutto. Le mani sanno ridere, sanno tremare, sanno dire parole in silenzio, sanno far bene moltissime cose. Baciano, accarezzano, toccano con discrezione o

Lettera al cuore

Lettera al cuore

Ciao amico, ti scrivo tra le righe di pagine che non esistono, dove i pensieri scorrono e l’inchiostro non lascia tracce. Ascolto il tuo battito ormai incerto, a volte irregolare e mi chiedo quanto abbia contribuito io nel ridurti così… Certo non ti sto dando una mano ultimamente: il mio bere birra, il mio fumare

Le luci accese

Le luci accese

Chiudo gli occhi mentre sorseggio del liquore. Mi piace il suo sapore, fresco all’inizio ma che poi incendia la gola per scaldare il petto. Mi ricorda l’inverno, il freddo fuori e il caldo del focolare, della protezione, del richiamo, dell’unione. Degli abbracci. Guardo più in là mentre la notte già si sazia, con questo cambio

31 ottobre

31 ottobre

Mi avvicino alla finestra sorseggiando una tazza di caffè fumante. Nel camino brucia il primo fuoco dell’inverno. La legna crepita rassicurante, nascono faville, zampilli, gocce di fuoco. Le fiamme danzano rosseggianti diffondendo quel tepore nostalgico di ricordi e antichità. Su qualche davanzale è già stata accesa la zucca intagliata. Si, perché la tradizione irlandese racconta

Trasparenza

Trasparenza

Cos’è la trasparenza ? Da definizione è la capacità di un corpo di permettere il passaggio, attraverso il suo spessore, di radiazioni luminose, e quindi la visione di oggetti situati al di là di esso. La trasparenza è astratta, ma indispensabile nel concreto. La trasparenza ci permette di vedere oltre. La trasparenza non copre ciò

Amori e amicizie

Amori e amicizie

Come ci siamo conosciuti? Quando? E in quale occasione? Un messaggio lanciato nell’etere, una vecchia canzone a fare da cornice, e poi piano piano una risposta, un saluto, una battuta. È anche così che nascono le Amicizie. Quando meno te l’aspetti, quando forse non sei nemmeno preparato, ecco che arriva quel colpo d’ala, ecco che scocca

Amicizia

Amicizia

Amicizia. Una parola importante. Un significato immenso e profondo ma a cui spesso non viene dato il giusto valore. Non si dà la giusta importanza a questo termine. O forse… Forse il problema è che la maggior parte delle volte se ne dà troppa. Amicizia. Cosa vuol dire? Chi è un Amico? Quando una persona

Social e identità

Social e identità

Ho appuntato alcune frasi qualche settimana fa, considerazioni, ribellioni interne, poi ieri continuando nella lettura di un testo che mi è stato consigliato, mi sono imbattuta in frasi che mi hanno fatto collegare il tutto. Su Le Misure Eroiche di Andrea Marcolongo ho letto: «Siamo tutti amici su qualche social network, ma finiamo per piangere

Panta rei

Panta rei

Slaccio le scarpe. I piedi appoggiano sul marmo scaldato dalle temperature di questo luglio infuocato. Doloranti dai tacchi di questi giorni si scottano e muovono qualche passo. Il sole si tuffa oltre la superficie e si rompe in innumerevoli, infinitesimali schegge di luce. Mi sono allontanata da una festa per arrivare qui, uno dei miei

Ero

Ero

Uno specchio e due occhi. La luce accesa e la finestra chiusa. Le mani calde e i capelli tirati indietro da una fascia. Le palpebre si abbassano mentre un sospiro rallenta tutto. Sono passata anche dal precipizio. Un viaggio a ritroso. Dove usavo le bugie per tenermi strette le persone. Ero diventata un mostro. Come

Ottobre

Ottobre

Ottobre è un’alba strepitosa che incanta, riscalda appena e graffia il cielo di luce rosa ogni mattina. Ottobre è le coccole quando fuori piove, i vetri che iniziano ad appannarsi, le dita fredde e le maniche lunghe tirate sulle mani. Ottobre è la nostalgia per l’estate che il cielo non sa dimenticare e resta sempre

Mancanze

Mancanze

Se tutti fossimo capaci di leggere i corpi, invece che ascoltare le parole, sarebbe tutto più semplice. Quante cose la mia pelle potrebbe raccontare. Quante cicatrici scrivono momenti sulle mie vene, quante urla soffocano le mie ossa. Quante carezze invisibili, quanti schiaffi cancellati. Ho un nodo alla gola che riscopro anche attorno ai miei polsi, legati dietro

Omnia fert aetas

Omnia fert aetas

Omnia fert aetas così scrisse Virgilio “Il tempo porta via tutto”. A volte non è così: il tempo come un fiume porta con sè sassi che come vecchi ricordi scorrono alla velocità dell’acqua e dipende dalla pendenza dei pensieri che scivolano sul cuore. Può capitare, molte volte, che qualche sassolino si adagi sul fondo del

Lettera mai spedita

Lettera mai spedita

Cari mamma e papà, Vi chiedo scusa. E purtroppo non c’è un solo motivo per farlo. Scriverlo è l’unico modo concesso dal mio orgoglio. Adesso che sono ormai ‘grande’ mi rendo conto di essere una delusione, principalmente per me stesso e, di riflesso, per voi. Sono stato un bimbo felicissimo, non mi è mancato nulla,

Passi lenti

Passi lenti

Era uno stabile vecchio. Le finestre alte e grandi e quel rumore della strada sottostante, vicino all’ospedale, da dove uscivano spesso ambulanze con sirene urlanti. In quel luogo, i primi attimi verso l’autonomia ed i primi ricordi, sbiaditi o indelebili. Il corridoio stretto, le porte bianche su un legno verniciato da anni, quell’affresco grande sul

Era un uomo indefinito.

Era un uomo indefinito.

Non rispondere lo aveva fatto diventare il suo hobby preferito forse perché nel silenzio trovava il suo conforto, metteva su una maschera che lo aiutava ad andare avanti, tra opinioni maliziose e parole mancate ma soprattutto alle domande che gli venivano fatte preferiva tacere; era diventato molto bravo a sviare i discorsi in parole futili,

Certe sere

Certe sere

Ci sono sere in cui non vuol farsi notte. Sere in cui conti e riconti i tuoi sbagli, ma non ti condanni. Sere in cui il sonno tarda più del solito. Sere in cui manchi, ma non fai così male. Sere in cui una finestra diventa una sala d’aspetto. Sere in cui vuoi ascoltare più