In un abbraccio ti perdi.

In un abbraccio torni bambino, stringi e il mondo e’ tutto li’ all ‘improvviso, non c’e’ piu’ altro che conti. In quell’abbraccio ti rilassi, nascondi i pensieri, non hai più età nè idee, vuoi solo ascoltare i respiri che si uniscono e diventano uno solo, non serve più nessuno.

Rari, disperati, veri e sospirati, abbracci lunghi o rubati, nessuno sa dire di no, nessuno rinuncia a nascondersi, in quell’abbraccio eterno anche se breve, si riesce a concentrare tutto in un gesto semplice ma unico. Se si cerca un modo per rigenerarsi, non serve cercare posti o orizzonti, basta trovare chi stringere, o chi ti stringe in quel modo che solo lui/lei conosce. Se ti sai sciogliere nelle braccia di qualcuno sei ricco, più di qualsiasi altra ricchezza. I gesti semplici e naturali sono sempre le medicine migliori per tutti i dolori, le amnesie e le paure. Non negare mai un abbraccio e non scappare davanti a due braccia aperte solo per te.
Rifugiati e amerai la vita.

@jackderoma per @tantipensieri

 

Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento