Mancanza

Mancanza

I frammenti non calpestati non riportano l’intero ma non tagliano; le vene sulla pelle scura non si vedono ma il sangue sporco non smette di attraversarle. Abbiamo un sangue buono e uno guasto e frammenti in ogni parte. Sussulto nel pensiero del tuo volto, irriconoscibile metafora d’amore non riconosciuto, onomatopeico soffio incandescente nell’iride; nei balzi

Spose

Spose

C’è un rito di passaggio, vestito di seta e di organza, c’è uno strascico bianco che scricchiola; si sbriciolano i pinoli sotto ai piedi, come un tempo a piedi nudi sui sassi, le mani sigillate in simboli sferici e aurei. C’è una bambina a scavalcare il suo tempo in pochi passi di rinuncia alla fiaba,

Controlli

Controlli

L’ecografo scorreva da sinistra a destra; il medico diceva che certe cose accadono e altre no. Sulla gelatina i pomeriggi trasmutavano in ore, le tue pupille in una palla da canestro, la rete traballava. L’ecografo scorreva da destra a sinistra; il medico annuiva fissando tessuti molli in uno schermo. È un passaggio nella strettoia il

Viole

Viole

Ho sovrapposto la bocca a più d’uno dei vostri sguardi e infilato le mani nelle vostre tasche vuote. Ho fatto la conta per non perdermi tra i passi falsi che avete lasciato sulle strade di lava. Ho riavvolto la vita come il rewind un film intorno alle vostre perbeniste aperture di porte. E poi viole,

Un figlio

Un figlio

Così hai avuto un figlio. Non nostro, non mio. Hai avuto un figlio nel grembo di un’altra, un grembo più grande, più adatto del mio. Hai avuto un figlio, un figlio reale, non queste sciocche, sciocche parole di aria e di carta, le mie. Hai avuto un figlio ed era d’inverno, un figlio modello, erede

Tra i limoni

Tra i limoni

Dietro al suono di un’altra voce, la scorza verrà trasmutata in succo e dei limoni l’essenza brucerà  nella congiunzione inesatta di un’etica sgrammaticata. Ritrovarsi nel retrogusto di un’età diversa è la conquista breve del brulicare smosso ai fili d’erba di maggio, passaggio obbligato di gioventù.   Alessandra Corbetta www.alessandracorbetta.net

Al canto del gallo

Al canto del gallo

Da un varco all’altro, le luci stanche hanno sospeso la rincorsa alle lucciole. Io, che non son terreno, ho riacciuffato i sassi di altri per non perdermi, chiuso tra il sereno e un intreccio di frutta secca. Ho gareggiato con ogni corolla nell’impossibilità dello stelo facendo a pugni viola con i risvegli dai sogni. Al

Inaspettato

Inaspettato

I tuoi occhi mi prendono da lontano, come la pinza i giocattoli che non vogliono salire; il tuo modo bambino di assalire mi sorprende ancora alla spalle, come un pianto nel pieno gioire. Appartenuti una vita fa soltanto all’ultimo sguardo che si dà alle cose, restiamo molecola d’acqua accanto a molecola d’acqua, punta finale della

L’idea

L’idea

Un mio inedito per voi.L’IDEA Di te, ho amato l’idea. Non le mani, né i panni, né la bocca, ma di mani, bocca e panni, l’idea.Non c’è amore più forte di quello per l’idea: non ha odore acre, lei; perfetta nella sua tunica a fiori a sgambettare in riva al fiume, non vede cadaveri passare.