Vorrei una risposta dalla luna, quando le parlo per ore e le chiedo come sarà domani e se è riuscita a perdonarci quando la annoiamo con tutte le chiacchiere su di lei.

Vorrei che tutti potessero sorridere ma so che non è sempre possibile, il sorriso compare se ben conosci la tristezza e la malinconia, serve per allontanare quei momenti tristi.

Vorrei vedere il tuo sorriso, quel sorriso che ti viene quando ti invio il mio pensiero ma forse non serve, io lo sento quando sorridi.

Vorrei un mondo senza violenza, ma anche questo fa parte della natura umana e il mio volerlo da sola è inutile se non si unisce alla volontà di tanti se non di tutti.

Vorrei la spensieratezza di un ragazzino, quando sconfigge la paura con la curiosità del proibito e delle sfide tutte da vincere.

Vorrei guardare i tuoi occhi, per capire se nascondi ancora le tue insicurezze e il timore che possano cambiare il tuo giudizio in te stesso.

Vorrei fare una capriola su quel prato scosceso che in primavera si copriva di primule e margherite ed ora è una discarica di macerie di case crollate sotto la forza della natura.

Vorrei il coraggio di amare senza se e senza ma, ma non è mai il momento giusto, il coraggio ora serve più per combattere un nemico che convive dentro me e forse anche questo è amarsi.

Vorrei essere musica, perché tutto si dimentica ma una musica ti entra nel cuore e non ti abbandona quando hai bisogno di lei. Vorrei il potere del tempo, lo fermerei negli attimi di gioia e serenità e lo farei volare veloce quando si soffre o nei momenti più difficili.

Vorrei avere un pizzico di forza, quella che tu dici di vedere in me, ma che non ho nemmeno per ricacciare le lacrime quando la vita ti mette davanti a prove sempre più difficili da superare.

Vorrei essere al mare, per sentire la sua voce che da troppo tempo mi manca.

Vorrei la tua mano nella mia, gesto di protezione, quel sentirsi sicuri in un viaggio insieme, ti accompagno mentre ti tengo con me.

Vorrei salutare la rabbia e il rancore, quel muro che non mi permette di perdonare, prima di tutto me stessa.

Vorrei aver avuto una vita diversa ma questa mi è stata donata e devo imparare ad accettarla, a sorridergli per sorridermi.

Vorrei cambiare i miei vorrei con un Voglio ma l’erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del Re ed io non ho più nemmeno un giardino.

@NanaBamic

Immagini dal web

Condividi

Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.